CasaAma – borgo passivo in paglia autocostruito

CasaAma racconta la storia di un gruppo di famiglie che ha provato a progettare e costruire un nucleo di case ecologiche da realizzare con le proprie mani e progettare in lunghe discussioni, per andare a vivere in campagna senza gli svantaggi della campagna.

Siamo partiti con una mail, ci siamo trovati in tanti, alcuni hanno trovato i terreni, altri hanno fatto le trattative, hanno steso i regolamenti e disciplinari. Qualcuno ha trovato la situazione ideale, ha aperto un conto in comune… ma di mezzo csi è messo un repentino cambio di normativa.

Il singolo progetto per questa volta non si è realizzato, ma il sogno ci ha contagiato e prima o poi si concretizzerà!

Quello che segue è il manifesto condiviso che ne è stata la premessa…

MANIFESTO
per una casa ecologica condivisa

Ci riconosciamo nell’obiettivo comune di costruire una casa partecipando in parte attivamente alla sua realizzazione e andandoci poi a vivere insieme ad altre famiglie, tra le 3 e 6 unità, con cui vi sia e con cui mantenere un buon rapporto di amicizia e condivisione generale dei princìpi etici di vita. Le famiglie saranno vicine di età e possibilmente avranno figli anch’essi coetanei, oppure saranno amanti dei bambini.
Le proprietà saranno private e distinte, ma le aree esterne, seppure definite, saranno da mantenere non recintate e nel limite della singola disponibilità e stato, usufruibili in comune.
Le proprietà private consteranno di abitazioni da 80-130mq più annessi e accessori.
La casa si deve trovare nei pressi di Rimini, indicativamente in prima o seconda collina, comunque in zona a bassa densità abitativa, in quanto deve avere un rapporto diretto e trasparente con il verde circostante. Vi dovrà essere ampia disponibilità di terreno circostante, tra ½ e 4 ettari, da adibire a gioco, orto e uso agricolo. Si deve trovare in zona esente da particolari campi elettromagnetici e preferibilmente panoramica.

La casa deve essere internamente luminosa ed ottimamente orientata e conformata secondo i criteri della bioclimatica. La casa deve essere facilmente costruibile ed autocostruibile, quindi possedere struttura in legno; deve essere realizzata con materiali facili, economici e prìncipi della bioedilizia e della sostenibilità: quindi con tamponamento in balle di paglia e intonaci in calce e argilla.

La casa deve essere campione della sostenibilità ed evitare gli sprechi evitabili: deve quindi avere il più basso standard energetico raggiungibile, indicativamente quello di casa passiva ed edificio carbon neutral.

Gennaio 2010
Giovanni Sasso



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *